Meeting minutes

Un paradigma per comprendere la trasmissione delle informazioni su Gesù

Mauro Pesce, esegeta su Facebook

Per spiegare come si trasmettono le informazioni su Gesù, noi proponiamo un nuovo paradigma basato essenzalmente su tre elementi: a) la pluralità – fin dall’inizio – dei flussi di trasmissione dei materiali su Gesù; b) la pluralità dei gruppi che divulgano informazioni su di lui; c) la pluralità dei luoghi in cui la trasmissione avviene.
In tutto il libro non usiamo generalmente il termine di “comunità” ma quello di gruppo. Il concetto di gruppo, di un insieme di persone fra loro legate, permette di comprendere la natura dei rapporti reciproci dei seguaci di Gesù e con i loro ambienti. Bisogna porre l’accento sulle relazioni più che sui supposti confini definiti (confini su cui si construisce molto spesso il concetto di comunità). La Network-Analysis (analisi delle reti relazionali), che ha dedicato un numero enorme di studi ai gruppi, insiste sul concetto di relazione e di reti di connessione. L’ipotesi di base è che nessun soggetto può essere isolato da un contesto complessivamente composto da altri numerosi soggetti. Ogni individuo è contemporaneamente definito da qualificazioni e obiettivi che gli vengono proposti o imposti da un numero considerevole di altri soggetti. Qui non possiamo occuparci dettagliatamente di questo tipo di analisi delle reti anche se ne conosciamo l’importanza.
Considerando la cosa in senso inverso, l’azione singola coinvolge per via relazionale una vasta rete di persone e destinatari, di persone agenti e di semplici osservatori. In base alla nozione di rete, possiamo immaginare che un soggetto abbia ruoli plurimi, ma contemporanei: può essere nello stesso tempo rappresentante del popolo, capo di un’assemblea, consigliere di un leader religioso, simpatizzante di un raggrupamento diverso dal proprio, nemico acerrimo di altri raggruppamenti. Può essere amico, padre, figlio, impegnato in una impresa familiare, ecc. Ciò comporta una revisione del concetto di identità, che non può essere concepita in modo essenzialista, ma come molteplice, mutevole, in continua formazione e evoluzione. I flussi corrono lungo le linee delle reti. Le trasmissioni sono fluide e reticolari.
Nessuno degli autori dei vangeli aveva conosciuto Gesù e aveva vissuto con lui o era stato parte della sua cerchia o gruppo. La prima domanda da porre è perciò: da quali gruppi di seguaci o da quali persone singole (donne o uomini) provenivano le informazioni di ciascun vangelo? Quale origine avevano queste informazioni? Un secondo interrogativo riguarderà i luoghi di provenienza delle notizie: dove risiedevao i gruppi o le persone che trasmettevano le informazioni su Gesù che gli autori dei vangeli ebbero a disposizione? Bisognerà poi porre un terzo interrogativo: quanto sapevano i gruppi e le persone che tramandavano notizie su Gesù e come erano arrivati a conoscere quello che raccontavano?
Certamente in ciascun villaggio dove risiedevano seguaci di Gesù venivano trasmesse notizie e anche opinioni su di lui. I primi a dare informazioni su Gesù erano stati quei seguaci che lo avevano seguito quando era vivo e lo accompagnarono a Gerusalemme dove fu ucciso. Dopo, a diffondere notizie su Gesù in luoghi disparati furono molti predicatori che percorsero la Terra di Israele e diverse parti del Mediterraneo e del vicino oriente antico nei primi decenni dopo la sua scomparsa. Queste notizie, però, dovettero essere conservate da gente che viveva in luoghi particolari. È quindi molto importante sapere quali furono i villaggi e le città in cui risiedevano i primi gruppi di seguaci immediatamente dopo la sua morte.
Le ricerche sui primi gruppi di Gesù hanno per lo più cercato di individuare i contenuti teologici ed etici che caratterizzano tali gruppi e hanno proposto varie raffigurazioni e varie sfacettature della teologia dei gruppi paolini, giovannei, matteani, ecc. Noi, qui, vorremmo individuare i luoghi in cui questi gruppi di Gesù apparvero e operarono. (da Destro-Pesce, Il racconto e la scrittura.Introduzione alla lettura dei vangelki, Carocci, 2014, 81-83.

Mauro Pesce. Esegeta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...