Non bisogna essere comunista per sostenere il popolo di Cuba affamato dagli USA

L’embargo imposto dagli Stati Uniti contro Cuba. Intervista con l’ambasciatore cubano nella Repubblica Ceca

10.05.2021 – Praga, Rep. Ceca – Gerardo Femina

Quest’articolo è disponibile anche in: IngleseSpagnolo

L’embargo imposto dagli Stati Uniti contro Cuba. Intervista con l’ambasciatore cubano nella Repubblica Ceca
Danilo Alonso Mederos, ambasciatore cubano a Praga (Immagine di Gerardo Femina)

Per più di 60 anni, un embargo economico degli Stati Uniti ha colpito Cuba e diverse risoluzioni delle Nazioni Unite non sono state sufficienti per mettere fine a queste sanzioni. La questione è molto attuale perché grazie alle numerose missioni di solidarietà che Cuba ha realizzato nel mondo, sempre più paesi chiedono a Washington di cambiare la sua politica.
Il signor Danilo Alonso Mederos, ambasciatore cubano a Praga, ex vice ministro di scienza, tecnologia e ambiente, ci ha rilasciato questa intervista.

Signor ambasciatore, può raccontare brevemente come è avvenuto questo embargo?

In poche parole, posso cercare di riassumere ciò che rappresenta la lunga storia del blocco di Cuba.

Fin dal trionfo della rivoluzione cubana nel 1959, le amministrazioni statunitensi speravano che il processo rivoluzionario sarebbe finito in pochi mesi. Ma quando furono messe in atto decisioni popolari e vantaggiose per tutta la popolazione, che a sua volta ratificò l’indipendenza nazionale, cominciò la vessazione.

Il 3 gennaio 1961, il presidente degli Stati Uniti decise di rompere le relazioni diplomatiche con Cuba. Nel marzo di quell’anno prese delle misure che limitavano l’esportazione di cibo e medicine a Cuba. Il 6 febbraio 1962 proibì l’importazione di tutte le merci di origine cubana nel territorio degli Stati Uniti. In sostanza, non si potevano importare merci dagli Stati Uniti a Cuba, né Cuba poteva esportare nulla in quel paese.

Per capire meglio cosa significa il blocco, è necessario sapere che prima del 1959 più del 64,5% delle esportazioni di Cuba e il 73,5% delle sue importazioni dipendevano dal mercato statunitense. Praticamente tutte le attrezzature, la tecnologia, le materie prime, il carburante e i prodotti alimentari esistenti provenivano dagli Stati Uniti.

Cuba era un paese che vendeva praticamente tutto il suo zucchero agli Stati Uniti attraverso un sistema di quote che avevano stabilito. Abbiamo anche esportato in quel mercato altri prodotti come il nichel, il tabacco, il caffè e il rum.

Improvvisamente, il paese ha finito le materie prime, il carburante e la possibilità di vendere il suo zucchero e i suoi prodotti di esportazione. Tutto il commercio, gli investimenti, tutto è stato soppresso!

Il blocco imposto a Cuba aveva lo scopo di far crollare la dipendente economia cubana.

Grazie alla solidarietà internazionale e all’appoggio disinteressato dell’Unione Sovietica e dei paesi che facevano parte del campo socialista, Cuba ha potuto realizzare le sue produzioni e iniziare un tipo di commercio più giusto, ma per farlo ha dovuto riorientare tutta la sua economia, le sue attrezzature e la sua tecnologia.

Negli anni ’90, con il crollo dell’area socialista e la perdita delle relazioni economiche commerciali e di cooperazione create in quasi 30 anni, abbiamo dovuto ricominciare da zero, ricostruire l’economia e riorientare i mercati di approvvigionamento. È stata indubbiamente una tappa dura in cui la volontà del popolo cubano è stata ancora una volta messa alla prova.

Il governo degli Stati Uniti forse pensava che Cuba non avrebbe avuto altra alternativa che seguire il corso dei paesi socialisti.

Tuttavia, quando non accadde ciò che avevano sperato, e quando si resero conto che anche in queste circostanze la popolazione continuava a sostenere la Rivoluzione e le sue conquiste sociali, adottarono nuove misure che intensificarono il blocco.

Nel 1992, la legge Torricelli ha reso il blocco una questione extraterritoriale impedendo alle filiali statunitensi in paesi terzi di commerciare beni con Cuba.

La legge Helms-Burton del 1996 ha ulteriormente intensificato e rafforzato la politica ostile contro il popolo cubano. Il Trade Sanctions Reform and Export Enhancement Act del 2000 impedisce ai cittadini statunitensi di viaggiare a Cuba come turisti. È l’unico paese al mondo in cui gli americani non possono viaggiare liberamente. Questa legge impedisce anche il finanziamento dei prodotti agricoli statunitensi da vendere all’isola.

L’arrivo di Trump alla presidenza degli Stati Uniti ha significato l’inasprimento del blocco. Nuove e numerose misure sono state adottate per soffocare l’accesso del paese alle fonti per ottenere risorse finanziarie, impedire ogni tipo di transazione commerciale e impedire a Cuba di acquisire i combustibili che garantiscono la vitalità del paese.

In cosa consiste esattamente l’embargo?

Prima di tutto, vorrei specificare che in spagnolo ci sono differenze etimologiche tra embargo e blocco. L’embargo è la proibizione del commercio e del trasporto decretata da un governo, mentre il blocco equivale ad assedio, ostruzione e accerchiamento.

La parola embargo cerca di mascherare la realtà e fingere che si tratti di una questione di due nazioni, ma le leggi e le azioni del governo degli Stati Uniti sono extraterritoriali. Esercitano pressioni, minacciano governi, uomini d’affari e banche, applicano sanzioni economiche e politiche; condizionano l’aiuto e l’accesso a fonti finanziarie alle nazioni che stabiliscono qualche rapporto d’affari o commerciale con il nostro paese. Ecco perché noi parliamo sempre di blocco.

L’obiettivo dichiarato del blocco contro Cuba è: asfissiare economicamente la nazione caraibica e affamare il popolo cubano. Chiudere, bloccare, impedire, tormentare il paese. Questo era l’obiettivo e continua ad esserlo anche oggi.

Quali sono le ragioni che hanno portato gli Stati Uniti a questa decisione?

Gli Stati Uniti, come paese imperiale, hanno sempre voluto possedere Cuba, per ragioni geostrategiche e politiche. Vi ricordo che Cuba è anche conosciuta geograficamente come la chiave del Golfo. Il governo degli Stati Uniti considera l’America Latina come il suo cortiletto privato e agisce di conseguenza.

Infatti, prima del trionfo della rivoluzione cubana, gli americani avevano piani per trasformare l’Avana in un paradiso fiscale e in un luogo di gioco e di prostituzione. Avevano progettato di costruire hotel e casinò lungo tutto il litorale.

Il 1° gennaio 1959 significò la fine di questi piani. All’inizio pensavano che la rivoluzione fosse una questione di giorni e che i leader avrebbero abbandonato i loro obiettivi di giustizia sociale e pari opportunità per tutti i cubani. Le prime misure sociali e nazionaliste non furono di loro gradimento e cominciarono ad aumentare seriamente la pressione.

Il blocco è stata la misura più “pacifica”, ma hanno anche organizzato, incoraggiato ed eseguito numerose azioni aggressive, attacchi terroristici, introduzione di mercenari, guerra biologica, guerra di disinformazione e ostilità cibernetica. Nel 1961 ci fu l’invasione di Playa Giron, sconfitta in meno di 72 ore, che aveva lo scopo di prendere una parte del territorio nazionale per dichiarare un governo di transizione in quella zona e iniziare quella che poteva diventare una guerra civile.

I vari presidenti statunitensi in più di 60 anni non hanno cessato nelle loro intenzioni di mettere in ginocchio i cubani. Il costo è stato alto per entrambe le parti, ma per i cubani la dignità, l’indipendenza e la sovranità non sono negoziabili.

Ci sono stati momenti in cui sembrava che gli Stati Uniti volessero togliere l’embargo. Cosa ha impedito questa decisione?

Il blocco di Cuba ha un quadro giuridico complicato che rende difficile per la presidenza di quel paese prendere una simile decisione.

Ci sono anche molti interessi che ostacolano qualsiasi decisione del genere. C’è un settore di persone di origine cubana che ha costruito la sua storia e le sue posizioni politiche ed economiche sulla base di quel confronto. Togliere il blocco significherebbe perdere importanti benefici, non solo economici ma anche riguardo all’immagine che si sono costruiti.

Rimuovere l’embargo, per il complesso militare industriale e per coloro che esercitano il potere economico negli Stati Uniti, significherebbe ammettere che Golia non può sconfiggere Davide. Questo ferirebbe l’orgoglio di coloro che pretendono di essere i padroni del mondo e di coloro che impongono le loro decisioni secondo i loro interessi.

Personalmente, credo che non ci sia mai stata una seria intenzione da parte degli Stati Uniti di togliere il blocco. C’è stata qualche azione superficiale di ‘facciata’, ma se davvero ci fosse stata questa intenzione, anche con tutti gli ostacoli legali che si sono costruiti in 60 anni, si sarebbero potute fare molte più cose.

Quali conseguenze ha sulla vita delle persone a Cuba?

Senza dubbio, il blocco economico, finanziario e commerciale imposto a Cuba da una delle principali potenze mondiali ha importanti conseguenze sulla vita delle persone. Le politiche del blocco costituiscono una flagrante violazione dei diritti umani dei cubani.

Il blocco impone carenze e difficoltà di accesso a tutti i tipi di risorse. Le importazioni di materie prime e tecnologie sono rese più costose e le esportazioni di prodotti e servizi cubani sono più difficili.

Le transazioni bancarie sono disturbate; molte banche si rifiutano di fare trasferimenti a Cuba per paura di rappresaglie e sanzioni monetarie da parte degli Stati Uniti.

Gli uomini d’affari e i commercianti interessati al mercato cubano o a fare investimenti nel paese sono messi sotto pressione. Se commerciano o investono a Cuba, potrebbero perdere i loro affari negli Stati Uniti o, nel migliore dei casi, loro e le loro famiglie potrebbero non essere in grado di viaggiare a Cuba.

Cuba è allora considerata un paese rischioso per vendere, investire o comprare prodotti e quindi i tassi d’interesse aumentano.

Come potete capire, tutto questo colpisce la popolazione cubana e rende la vita più difficile. I prodotti, le materie prime e il carburante scarseggiano.

Nonostante le circostanze attuali, nessuno a Cuba è lasciato a se stesso. La gente conosce i vantaggi del regime sociale cubano e ciò che la Rivoluzione ha fornito per il suo sviluppo umano. A Cuba c’è giustizia sociale, sicurezza dei cittadini, pari opportunità, istruzione e garanzie sanitarie per tutti.

Come ha interpretato il popolo cubano l’embargo e come sta reagendo?

Il popolo cubano ha resistito a 60 anni di un blocco ingiusto e crudele e ha dovuto affrontarlo con coraggio e dignità. Il blocco statunitense è senza dubbio un’aggressione contro un paese il cui unico crimine è quello di non sottomettersi ai disegni e agli interessi dell’impero.

Il nostro popolo è molto dignitoso e affezionato alla sua libertà, alla sua sovranità. La rivoluzione cubana è autoctona, nessuno l’ha fatta o imposta dall’esterno. È stato il risultato dello sviluppo storico della nazione.

La nostra preparazione educativa e il nostro livello di conoscenze ci hanno permesso di affrontare queste sfide con intelligenza e capacità di adattamento alle circostanze peggiori. Siamo un popolo resiliente, capace di risorgere come una fenice dalle difficoltà che abbiamo affrontato.

Sono convinto che se il blocco statunitense non esistesse, la vita dei cubani e lo sviluppo economico e sociale del paese sarebbero molto migliori.

Come ha fatto Cuba, nonostante la crisi economica si sia aggravata a causa della pandemia, a investire in educazione e salute?

L’istruzione e la salute sono diritti fondamentali di tutti i cittadini cubani residenti nel nostro paese. Questi diritti sono sanciti dalla Costituzione e sono gratuiti per tutti, indipendentemente dalla razza, dal sesso, dalla religione o dal modo di pensare. A Cuba, non c’è niente di più importante di ciascuno dei suoi abitanti.

L’istruzione e la sanità sono state la prima priorità dello Stato cubano fin dal trionfo della Rivoluzione, e perciò non si è risparmiato nessuno sforzo o risorsa per garantirle. È stato così per più di 60 anni e così si è comportato durante la pandemia.

È stato proprio grazie a queste politiche che il paese era meglio preparato di molti altri ad affrontare la pandemia.

Grazie all’alto livello di formazione sistematica delle risorse umane e ai livelli educativi raggiunti, il paese ha abbastanza medici e personale sanitario, non solo per affrontare la pandemia a Cuba, ma anche per fornire assistenza ad altri paesi in difficoltà. Grazie a queste politiche e allo sviluppo raggiunto, il paese è in grado di sviluppare i propri vaccini, medicinali e altre tecnologie per sconfiggere il Covid.

Questo è possibile grazie al modo in cui le risorse sono distribuite nella nostra società secondo il regime sociale che abbiamo abbracciato.

Immagino che la ripresa dell’industria del turismo sia importante per Cuba, cosa si sta facendo in questo campo?

Così è. Il turismo è un’importante fonte di risorse per Cuba. Dagli anni 90 del secolo scorso il paese ha iniziato a preparare il paese per questo settore dell’economia. Il volume di turisti annuali è aumentato di anno in anno e nel 2018 abbiamo accolto poco più di 5 milioni di turisti. Il paese è pronto a far sì che il numero di turisti continui a crescere.

Durante questo periodo di estrema contrazione del turismo a causa della pandemia, abbiamo preparato le strutture per garantire un turismo più sicuro e consolidato durante la nuova normalità. Non si è perso tempo e si sono create nuove condizioni nelle strutture. Anche i protocolli per l’assistenza ai turisti sono stati rivisti e aggiornati.

Quali prospettive vede per il futuro?

Il mondo deve necessariamente cambiare. Come disse una volta il leader della rivoluzione cubana, Fidel Castro Ruz: “Un mondo migliore è possibile”.

Perché questo sia vero, molte cose devono cambiare. Il mondo ha bisogno di pace, di più giustizia sociale, di meno egoismo e più solidarietà, di una più equa distribuzione delle risorse. Se queste cose non si realizzano, non saremo in grado di assicurare che la nostra casa comune sopravviva e si sviluppi in pace e armonia.

Il blocco imposto a Cuba dagli Stati Uniti è destinato a fallire e prima o poi dovrà essere eliminato dal governo americano. Allora il popolo cubano potrà impiegare tutta la sua conoscenza, tutta la sua saggezza e tutte le sue energie per raggiungere uno sviluppo armonioso e sostenibile.

Come può uno stato, un’associazione o un individuo aiutare il popolo cubano?

Il più grande aiuto che si può dare è mettere in campo tutta la solidarietà internazionale e denunciare in tutti gli scenari esistenti la necessità di porre fine alle politiche di blocco e di sanzioni.

È necessario moltiplicare la pressione internazionale sul governo degli Stati Uniti in tutti i modi possibili e rendere così insostenibile il mantenimento del blocco su Cuba.

Traduzione dallo spagnolo di Silvia Nocera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...