Mar Morto. Testi biblici risalenti a 2000 anni fa

Ritrovato anche lo scheletro di un bambino sepolto seimila anni fa

(IAA). “Sono stati rinvenuti oltre 80 frammenti di dimensioni diverse, alcuni di essi contenenti testo”, ha detto Oren Ableman, dell’Unità rotoli del Mar Morto della IAA. “Sulla base della scrittura li abbiamo datati alla fine del primo secolo a.C. e ciò vuol dire che al tempo in cui fu portata nella grotta la pergamena era già vecchia di un secolo”.

New Fragments Of Dead Sea Scrolls Found In Judean Desert Cave
NBC
Varianti nel testo biblico
La nuova scoperta è particolarmente interessante perché uno dei frammenti che è stato decifrato presenta una versione del libro biblico di Zaccaria in cui non ci si è mai imbattuti prima.
I versetti 16 e 17 dell’ottavo capitolo affermano: “Queste son le cose che dovete fare: dite la verità ciascuno al suo prossimo; fate giustizia, alle vostre porte, secondo verità e per la pace; nessuno macchini in cuor suo alcun male contro il suo prossimo, e non amate il falso giuramento; perché tutte queste cose io le odio, dice l’Eterno”. Nel frammento la parola “porte” è sostituita dalla parola “strade”. “Non lo abbiamo mai visto prima”, ha detto Ableman.
Gli studiosi fanno affidamento su queste differenze per comprendere meglio come si è sviluppata la versione canonizzata della Bibbia. Molti dei testi ritrovati a Qumran, sulle rive del Mar Morto, e la storia degli scavi e delle scoperte, sono accessibili in forma digitale, nella Dead Sea Scrolls Digital Library.



Monete di Bar Kokheba
Gli archeologi hanno anche rinvenuto diverse monete coniate dai ribelli ebrei guidati da Bar Kokheba, recanti la dicitura; “Anno 1 per la redenzione di Israele”. Donald T. Ariel, direttore del dipartimento numismatico dell’IAA, ha affermato che “le monete sono espressione di sovranità, coniarle significava essere liberi”.
La grotta ha permesso il rinvenimento anche di altri reperti unici, tra cui lo scheletro di un bambino risalente a circa 6.000 anni addietro. “Spostando delle pietre abbiamo scoperto una buca poco profonda scavata intenzionalmente, con al suo interno lo scheletro di un bambino in posizione fetale”, ha detto lo studioso della preistoria Ronit Lupu. Lo scheletro ha subito un processo di mummificazione naturale ed è eccezionalmente ben conservato.
La grotta, nota come la “grotta dell’orrore” di Nahal Hever nel deserto della Giudea, è accessibile soltanto calandosi con l’ausilio di corde.


Più antico cesto mai scoperto
Un’altra grotta ha riservato un’ulteriore sorpresa: un cesto preistorico intrecciato circa 10.500 anni fa, 1.000 anni prima dell’invenzione della ceramica. Gli esperti ritengono che il reperto, con una capacità di circa 90 litri, sia il primo cesto intatto mai scoperto.
“Lo scopo di questa iniziativa è di salvare importanti beni patrimoniali dalle grinfie dei saccheggiatori”, ha affermato il direttore dell’IAA Israel Hasson. “Dobbiamo assicurarci il recupero di tutto ciò che non è ancora stato scoperto in queste grotte, prima che lo facciano i ladri. Ci sono reperti di valore inestimabile”. (fonte Jerusalem Post; trad. it. G. M. Schmitt; adat. P. Tognina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...