I partigiani della Resistenza si mobilitano per Giulio Regeni: “I diritti umani non dipendono dalle commesse militari”

I partigiani della Resistenza si mobilitano per Giulio Regeni: “I diritti umani non dipendono dalle commesse militari”

Di Alex Corlazzoli su Il Fatto quotidiano

L’Associazione nazionale partigiani si schiera a fianco della famiglia del ricercatore ucciso in Egitto e chiede un intervento a Conte. “Va ritirato l’ambasciatore. Vanno rivisti i rapporti con un Paese ritenuto amico, ma il cui governo non si è dimostrato degno di tale amicizia”

“I diritti umani sono alla base della Resistenza. Ecco perché i nostri partigiani, anziani ma ancora combattenti, hanno scelto di far sentire la loro voce e metterci la faccia per chiedere un intervento del premier Giuseppe Conte a favore di Giulio Regeni”. A parlare è il presidente dell’Associazione nazionale partigiani, Gianfranco Pagliarulo, successore di Carla Nespolo, scomparsa il 5 ottobre scorso.

Il numero uno dell’Anpi, giornalista 71enne ed ex senatore della Repubblica, era già intervenuto nei giorni scorsi dopo la chiusura delle indagini da parte della Procura di Roma sul caso del ricercatore torturato e ucciso in Egitto, chiedendo al governo di cambiare passo: “Ancora una volta – aveva detto Pagliarulo – ci associamo alla richiesta dei genitori di Giulio. Va ritirato l’ambasciatore. Vanno rivisti i rapporti con un Paese ritenuto amico, ma il cui governo non si è dimostrato degno di tale amicizia”. Una posizione ferma e decisa ma “non sufficiente” – continua – “a far cambiare idea al presidente del Consiglio”.

VEDI ANCHE

Regeni, i partigiani-combattenti a Conte: “Vogliamo verità e giustizia per Giulio, è passato troppo tempo”

A questo punto l’Anpi ha pensato di lanciare una nuova iniziativa: “I partigiani per Giulio”. Pagliarulo e il suo staff hanno chiesto agli uomini e alle donne che hanno lottato per la libertà di inviare un messaggio al premier Giuseppe Conte.

“I nostri iscritti hanno risposto con entusiasmo. L’indignazione è incarnata nelle persone che lanciano questi video. In modo particolare i più sensibili sono proprio quelli che abitano vicino al paese del papà e la mamma di Giulio, in Friuli Venezia Giulia”. Il riferimento del presidente dell’Anpi va a Mario Candotto, partigiano della Brigata Proletaria nata tra gli operai dei cantieri di Monfalcone.https://8eabc7fa1f848e08e1af6590195eb15e.safeframe.googlesyndication.com/safeframe/1-0-37/html/container.html

L’iniziativa andrà avanti fino a Natale e forse anche oltre. Ogni giorno sulla pagina Facebook dell’Anpi e sul sito verranno diffusi i messaggi video dei partigiani: “Se l’Italia e l’Ue hanno posto a fondamenta della loro esistenza i diritti umani, non si possono avere due velocità e una reazione tentennante a seconda delle commesse militari. Serve la diplomazia e il negoziato ma sui diritti umani è necessaria la risolutezza. Aspettiamo da troppo tempo un segnale dal governo. Il problema non è alzare la voce ma fare gesti significativi come ritirare l’ambasciatore italiano in Egitto o sospendere le commesse militari”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...