“Non ci sono più scuse: Milagro Sala deve essere liberata”

29.07.2017 Redacción Madrid

Quest’articolo è disponibile anche in: Spagnolo

“Non ci sono più scuse: Milagro Sala deve essere liberata”

Nonostante  le operazioni del governo nazionale per evitare che la Commissione InterAmericana sui Diritti Umani (CIDH) sentenziasse sulla detenzione arbitraria di Milagro Sala, l’organismo internazionale ha emesso l’ingiunzione è stata richiesta da CELS, Amnesty International e ANDHES e ha ordinato che il governo nazionale, in quanto parte del sistema interamericano,  deve provvedere al rilascio immediato richiesto dal Gruppo di lavoro sulle Detenzioni arbitrarie delle Nazioni Unite o, in alternativa, concederle gli arresti domiciliari o la libertà vigilata elettronicamente; la CIDH ha confermato che considera la detenzione di Milagro Sala  arbitraria. La risoluzione richiede al potere esecutivo anche il rispetto dei trattati internazionali che hanno rango costituzionale e che sono legge in Argentina. Il motivo della risoluzione sta nel fatto che Milagro “è in una situazione di gravità e urgenza, in quanto i suoi diritti alla vita e all’integrità personale corrono il rischio di un danno irreparabile”, come è stato possibile constatare durante la visita del 16 giugno. Hanno anche messo in guardia circa il rischio di criminalizzazione della protesta e hanno sottolineato che la detenzione preventiva “dovrebbe essere limitata dai principi di legalità, di presunzione di innocenza, di necessità e di proporzionalità e che non può essere in alcun caso una misura punitiva”, “lo Stato deve assicurare che la regola sia la libertà degli imputati, mentre se ne accerta la responsabilità penale e che le caratteristiche personali del presunto autore e la gravità del reato di cui è accusato non sono, di per sé, una giustificazione sufficiente per la detenzione preventiva”.

 

Ha inoltre stabilito che lo Stato Argentino ha 15 giorni di tempo per comunicare in che modo intenda dare seguito alla risoluzione.

 

“Si tratta di una grande vittoria del team di difesa di Milagro che fin dall’inizio ha denunciato l’illegalità dell’arresto e le molestie in carcere e della magistratura di Jujuy manovrata  dall’ esecutivo. E’ anche  la vittoria delle  organizzazioni per i diritti umani che ci hanno accompagnato per denunciare al mondo il vero affronto alla legalità e, naturalmente, una grande vittoria del Cels, di Amnesty, di ANDHES e del Comitato per la libertà di Milagro Sala che hanno sostenuto questa lotta e permanentemente sottolineato che in questo caso sono state violate tutte le garanzie costituzionali e sospeso lo stato di diritto a Jujuy con l’appoggio di Mauricio Macri “, ha detto Alejandro ‘Coco’ Garfagnini, portavoce della Tupac Amaru.

 

“Ancora una volta le agenzie internazionali vengono a fare giustizia sulle gravi violazioni dei diritti umani nel nostro paese nel caso di Milagro, così come è accaduto all’epoca del terrorismo di Stato. La Commissione ha ritenuto che il caso dei Milagro abbia gli standard di urgenza, che sia grave e irreparabile e che questa ingiunzione sia legata alla salvaguardia del diritto alla vita e all’integrità fisica, sottolineando che questo arresto è legato a la fatto che Milagro è un leader sociale, donna e indigena “, ha detto Elizabeth Gomez Alcorta, del team di difesa di Milagro Sala.

 

A sua volta, dal Comitato per la libertà di Milagro Sala hanno sottolineato che “nonostante si sia cercato di mettere tutti i bastoni tra le ruote, formalmente era lo Stato nazionale che ha invitato la CIDH a Jujuy. Così ora non potranno fare i distratti con questa risoluzione. Francisco Eguiguren è stato molto chiaro su questo punto quando ha visto Milagro Sala nel carcere di Alto Comedero, quando ha detto che ‘la Commissione è consapevole che le sue raccomandazioni sono fatte affiché lo Stato le compia. Ci rendiamo conto che gli Stati fanno parte di un sistema internazionale e quindi le raccomandazioni devono essere messe in pratica.”

 

Nel decreto di ingiunzione emesso oggi dalla Commissione, l’agenzia chiede al governo federale di “prendere le misure necessarie per garantire la vita e l’integrità fisica dei Milagro Sala nel contesto di detenzione preventiva in cui attualmente si trova “. Si richiede inoltre al governo nazionale di  “organizzare  con la beneficiaria e i suoi rappresentanti le misure da adottare tenendo conto del carattere eccezionale della detenzione preventiva e del peggioramento della situazione, del rischio per la vita e l’integrità personale come conseguenza delle peculiarità che hanno il protrarsi della detenzione della beneficiaria, le presunte molestie subite e la necessità di salvaguardare tali diritti; le autorità competenti adottino, alla luce delle norme descritte, alternative alla custodia, come l’arresto domiciliare in modo che la signora Milagro Sala possa affrontare in libertà il processo eventualmente anche con misure quali il controllo elettronico”.

 

Ricordiamo che i commissari Francisco Eguiguren ed Esmeralda Arosamena di Troitiño, accompagnati dall’avvocato per i diritti umani, Jorge Meza, hanno visitato Milagro Sala nella sezione femminile del carcere di Alto Comedero il 16 giugno scorso. Lasciando la riunione  hanno annunciato in una conferenza stampa che avrebbero trattato l’argomento nella sessione straordinaria tenutasi a Lima la prima settimana di luglio. Oggi la concessione del decreto ingiuntivo richiesto da CELS, Amnesty e ANDHES per quanto riguarda la detenzione arbitraria della deputata  del Parlasur.
“Milagro Sala compie oggi 559 giorni di privazione illegale della libertà. Sono passati nove mesi da quando le Nazioni Unite, Amnesty International, Human Wright Watch e altre organizzazioni internazionali hanno parlato. Con l’arresto di Milagro Sala, il primo prigioniero politico in democrazia, Macri e e i suoi funzionari  hanno screditato l’Argentina nel mondo. Da essere un esempio di difesa dei diritti umani diventiamo un paese che ignora i pronunciamenti del mondo intero, degli organismi interamericani, mettendo a repentaglio lo Stato di Diritto”, hanno detto dal Comitato nazionale per la libertà di Milagro Sala.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...