L’Europa non giochi col fuoco nucleare

15.03.2017 Redazione Italia

L’Europa non giochi col fuoco nucleare
(Foto di Pixabay)

Comunicato del Comitato promotore della campagna #NO GUERRA #NO NATO: “IL GRANDE GIOCO NUCLEARE IN EUROPA”
Petizione su Change.org

La crescente tensione con la Russia, provocata dalla strategia Usa/Nato, sta trasformando l’Europa in prima linea di un confronto nucleare per certi versi più pericoloso di quello della guerra fredda. L’aspetto più minaccioso di tale confronto è che lo schieramento Usa/Nato comprende centinaia di testate nucleari schierate in Europa in prossimità del territorio russo. È come se la Russia avesse schierato in Messico centinaia di testate nucleari puntate sugli Usa.

La punta di lancia dello schieramento Usa/Nato in Europa è costituita dalle bombe nucleari statunitensi B-61 dislocate in Italia, Germania, Belgio, Olanda e anche in Turchia. La B-61, secondo il programma del Pentagono, sarà sostituita dalla B61-12, una nuova arma nucleare che svolge la funzione di più bombe, comprese quelle penetranti in grado di distruggere i bunker dei centri di comando in un first strike nucleare. Lo schieramento delle B61-12 è previsto per il 2020, ma potrebbe essere anticipato. Da quel momento l’Italia si troverebbe in una situazione molto più pericolosa di quella odierna, esposta alla minaccia di rappresaglia nucleare.

Per tale ragione il Comitato No Guerra No Nato (CNGNN) ritiene assolutamente prioritario l’obiettivo che, in base al Trattato di non-proliferazione ratificato dall’Italia, siano rimosse immediatamente dal nostro territorio le bombe nucleari statunitensi B-61 e non vi siano installate le nuove B61-12 né altre armi nucleari.

Su tale base, il CNGNN concorda con la risoluzione presentata il 28 febbraio, alla III Commissione della Camera, dall’On. Manlio Di Stefano e altri deputati del Movimento Cinque Stelle (v. Allegato), nella parte in cui essa afferma che l’Italia è in contrasto con quanto stabilisce il Trattato di non-proliferazione poiché mette a disposizione il suo territorio per l’installazione di armi nucleari. Non concorda invece sul fatto che la risoluzione non chiede direttamente al governo di rispettare il Trattato di non-proliferazione e di conseguenza far sì che gli Usa rimuovano immediatamente le loro bombe nucleari B-61 dal nostro territorio e rinuncino a installarvi le ancora più pericolose B61-12 e altre armi nucleari.

La risoluzione dei parlamentari Cinque Stelle si limita a chiedere al governo di supportare l’iniziativa all’Onu per l’abolizione giuridica delle armi nucleari, adempiendo in tal modo agli stessi obblighi del Trattato di non-proliferazione nucleare. Noi sosteniamo invece che, per adempiere agli obblighi del Trattato di non-proliferazione, non basterebbe che l’Italia supportasse l’iniziativa all’Onu per l’abolizione giuridica delle armi nucleari.

Rinnoviamo quindi all’On. Manlio Di Stefano l’invito a presentare la mozione proposta dal CNGNN (v. Allegato). Rivolgiamo lo stesso invito a tutti i parlamentari che vogliano impegnarsi per il disarmo nucleare. L’unico modo che abbiamo in Italia per contribuire, non a parole ma con i fatti, alla campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari e all’iniziativa in corso alle Nazioni Unite per creare uno strumento giuridicamente vincolante sulla proibizione delle armi nucleari è pretendere l’osservanza da parte del nostro paese del Trattato di non-proliferazione e quindi la denuclearizzazione del nostro territorio.

———————————————————————————-

ALLEGATI

ATTO CAMERA / RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7-01202 / PRESENTATO DA DI STEFANO MANLIO

Martedì 28 febbraio 2017, seduta n. 750

LA III COMMISSIONE, PREMESSO CHE:

la sussistenza delle armi nucleari rappresenta una minaccia alla sopravvivenza della stessa umanità e, per i popoli della Terra, liberarsi di tale minaccia rappresenta, più che una necessità, un diritto istitutivo e costitutivo della stessa vita sociale;

secondo l’articolo VI del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (TNP), ratificato alla Repubblica Italiana con legge 24 aprile 1975, n. 131, ciascuna parte del trattato si impegna a perseguire in buona fede negoziati per definire, nel più breve tempo possibile, misure effettive che conducano alla cessazione della corsa agli armamenti nucleari e al disarmo nucleare e a un trattato sul disarmo generale e totale sotto il severo e effettivo controllo internazionale;

secondo il parere della Corte internazionale di giustizia dell’Aja dell’8 luglio 1996, in applicazione del diritto internazionale ius in bello, sono illegittimi la minaccia o l’uso delle armi nucleari e, anche se la Corte non si è espressa sul caso di estrema legittima autodifesa, gli Stati devono comunque rispettare il diritto umanitario internazionale;

ciascuno degli Stati militarmente non nucleari, che sia Parte del Trattato, «si impegna a non ricevere da chicchessia armi nucleari o altri congegni nucleari esplosivi, né il controllo su tali armi e congegni esplosivi, direttamente o indirettamente»;

l’Italia, a giudizio dei presentatori del presente atto, ponendosi in contrasto con questo obbligo e in contrasto con l’articolo 26 della Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati del 23 maggio del 1969, mette a disposizione il suo territorio per l’installazione, il transito, la deterrenza e l’uso di armi nucleari, in attuazione di accordi con gli USA e conformemente alle dottrine della «condivisione nucleare NATO»;

l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, con il voto del 23 dicembre 2016 sulla risoluzione A/C.1/71/L.41, ha avviato il nuovo, storico percorso che attuerà l’obiettivo conclamato del TNP mediante la predisposizione, come primo passo, di strumenti giuridicamente vincolanti per la proibizione delle armi nucleari che portino alla loro totale eliminazione;

IMPEGNA IL GOVERNO a prendere attivamente parte alla conferenza Onu di New York decisa dalla citata risoluzione A/C.1/71/L41, nelle sessioni previste (marzo e giugno-luglio 2017), supportando gli Stati non nucleari e la International Campaign to Abolish Nuclear Weapons (ICAN) nel pervenire l’abolizione giuridica degli ordigni nucleari, adempiendo in tal modo agli stessi obblighi del Trattato di non proliferazione nucleare

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...