25 aprile 1945: la liberazione – GIUSEPPE MENZAGHI

25 aprile 1945: la liberazione

GIUSEPPE MENZAGHI

“Noi eravamo del tutto armati.

Abbiamo trovato uno con la macchina, un certo Mario Farioli, e gli abbiamo chiesto di portarci giù alla Canazza di Legnano per rifornirci delle armi; ne abbiamo prese mica male e siamo scesi al Piegnone.

Allora si sparava giù perché i tedeschi erano lì dal Tognella però non si sapeva che c’era un piccolo fortino sulla costa di Prospiano, sopra i bunchers, con una mitragliera da 22 mm.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...