La vita difficile di tutti i giorni – SERAFINO SAPORITI

La vita difficile di tutti i giorni

SERAFINO SAPORITI

“I bollini servivano anche se si andava a mangiare da qualche altra parte.

Ricordo che in viaggio di nozze a Venezia avevo portato i bollini con me per mangiare al ristorante ma avevo portato anche dei viveri personali (uova sode, una ciambella…) sapendo che i bollini non erano sufficienti per mangiare.

Sono al ristorante e ad un tratto viene una pattuglia a controllare se ho pagato con la tessera; trovano che sono in regola e che quello che sto mangiando in sovrappiù l’ho portato io da casa.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...